Come individuare i dividendi più alti

di Stefania Russo 2

La maggior parte delle persone che sono solite investire in Borsa, o giocare in Borsa come si usa spesso dire, al fine di individuare i titoli azionari...

La maggior parte delle persone che sono solite investire in Borsa, o giocare in Borsa come si usa spesso dire, al fine di individuare i titoli azionari su cui puntare analizzano principalmente il dividend yield, ovvero il rapporto dividendo/prezzo che corrisponde all’ultimo dividendo per azione distribuito agli azionisti e al prezzo di chiusura dell’anno dell’azione.

Si tratta di una pratica molto diffusa non solo tra i piccoli investitori ma anche tra gli investitori professionisti, compresi molti tra i fondi di investimento tradizionali. Stuart Rhodes, meglio conosciuto come il gestore del fondo M&G Global Dividend, ha però mostrato alcune perplessità in merito a questa metologia.


Secondo Rhodes, in particolare, analizzare il mercato alla ricerca di un dividend yield elevato può essere piuttosto rischioso alla luce del fatto che un alto dividend yield è spesso sintomo di una società che si trova in difficoltà o con un potenziale di crescita limitato. Per questo motivo il gestore è convinto che bisogna concentrarsi soprattutto sulle prospettive di crescita dei dividendi di una determinata azienda nel lungo termine, in quanto i dividendi sono difficili da falsare e rappresentano l’indicatore più significativo per quanto riguarda lo stato di salute della società e la solidità del business.

Dividendi in crescita, dunque, dovrebbero risultare sufficienti ad individuare quelle aziende che vantano un’ottima gestione e che sono in grado di offrire ai propri azionisti rendimenti di mercato superiori alla media.

Tra i titoli americani che rientrano in questa categoria troviamo Coca Cola, Johnson & Johnson e Procter & Gamble. Per il momento il fondo M&G Global Dividend non ha nel suo portafoglio titoli italiani perchè ritiene che nessuno di questi sia compatibile con i requisiti richiesti. Sono invece presenti i titoli delle svizzere Nestlé, Roche e Novartis.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>