Come investire nel 2012

di Stefania Russo Commenta

Il 2012 rappresenta un'incognita per gli investitori, non solo perché le previsioni parlano di una più che probabile recessione...

Il 2012 rappresenta un’incognita per gli investitori, non solo perché le previsioni parlano di una più che probabile recessione a livello europeo e che interesserà in maniera piuttosto rilevante anche l’Italia, ma anche e soprattutto perché per Piazza Affari sarà piuttosto difficile riuscire a riprendersi dopo la perdita del 15% circa registrata nel 2010 e del 28% circa registrata da gennaio a metà dicembre 2011.

VOLATILITÀ DEI MERCATI ANCHE NEL 2012 SECONDO LE PREVISIONI

Tra i punti a favore del listino milanese gioca senza dubbio la sua capacità di reagire tempestivamente ai segnali positivi, una visione su cui concordano anche gli analisti di Credit Suisse, che in un recente report hanno collocato il Dax di Francoforte e l’Ftse Mib di Piazza Affari tra gli indici dotati delle migliori prospettive in caso di ripresa.

In ogni caso lo scenario che si prospetta per il prossimo anno risulta essere piuttosto instabile e incerto. Ne deriva quindi che gli investitori, per poter riuscire a portare a casa dei risultati positivi, dovranno evitare di seguire regole standard e generalizzate ma piuttosto dovranno dimostrare di avere coraggio e adottare una strategia d’investimento alternativa che comprende l’utilizzo di più di uno dei parametri normalmente utilizzati per individuare le azioni su cui investire.

TUTTI I DIVIDENDI 2012 BORSA ITALIANA

Nello scegliere le azioni su cui investire, dunque, non bisogna solo tenere in considerazione le previsioni relative ai titoli ad alto rendimento nel 2012, ossia quelli che promettono di distribuire cedole piuttosto elevate, questo non solo perché una cedola elevata non è sufficiente ad individuare un ottimo investimento ma anche perché alla luce della difficile situazione economica è più che probabile un ripensamento da parte di più di una società, in modo tale da tenere da parte delle risorse importanti in attesa di tempi migliori.

Allo stesso modo, inoltre, per individuare titoli interessanti non sono sufficienti le previsioni relative al rapporto prezzo utili delle azioni Borsa italiana nel 2012 e le previsioni price book value delle azioni italiane nel 2012 ma occorre tenere in considerazione tutti e tre questi paramenti.

Secondo gli esperti di CorrierEconomia, in particolare, un titolo quotato a Piazza Affari e che esce vittorioso dall’esame attuato mediante l’applicazione di tutti e tre questi parametri è senza dubbio Eni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>