Portafoglio a bilanciere per investire durante la crisi

di Stefania Russo Commenta

In periodi come questo, caratterizzati da una forte instabilità dei mercati finanziari, Andrew Garthwaite, strategist....

In periodi come questo, caratterizzati da una forte instabilità dei mercati finanziari, Andrew Garthwaite, strategist azionario di Credit Suisse, consiglia un portafoglio “a bilanciere”, ossia composto per il 60-70% da quelli che sono i titoli azionari più stabili e sicuri e per il restante 30-40% da quelli che invece appaiono come i titoli più rischiosi e sensibili alle variazioni del mercato, ma che però in caso di miglioramento promettono ampi rendimenti.

In questo modo, dunque, sarà possibile difendere i soldi investiti nel caso in cui la situazione dovesse rimanere stabile o addirittura peggiorare grazie all’ampia presenza di titoli difensivi, tuttavia sarà possibile beneficiare di ampi guadagni qualora la situazione dovesse migliorare.

Tra i titoli difensivi figurano Novartis e Bayer per il settore farmaceutico, Ahold e Carrefour per il settore alimentare, National Grid per il settore delle utility, Ferrovial per il settore delle infrastrutture e Reckitt Benckiser per il settore dei prodotti per la casa. Rientrano invece nella seconda categoria Eni per il settore dell’energia, Fiat Industrial per il settore industriale, Allianz per il settore assicurativo, Publicis per il settore pubblicitario e Barclays per il settore bancario.

Nell’indicare il consiglio espresso da Garthwaite occorre però precisare che Credit Suisse, come del resto la maggior parte delle banche svizzere, è piuttosto fiduciosa sulla risoluzione della crisi del debito sovrano in Europa, basti pensare che attribuisce allo scenario di uscita dalla crisi l’80% delle probabilità. Per questo motivo già da alcune settimane la banca svizzera è tornata a dare maggior peso alla componente azionaria nei suoi portafogli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>