Target price Fiat abbassato da Ubs

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Fiat limita il suo rialzo allo 0,14%, dopo il balzo di oltre sette punti percentuali registrato durante la seduta...

A Piazza Affari il titolo Fiat limita il suo rialzo allo 0,14%, dopo il balzo di oltre sette punti percentuali registrato durante la seduta di ieri e ricondotto in larga parte alle dichiarazioni rilasciate dall’amministratore delegato Sergio Marchionne, il quale ha spiegato che i vertici del gruppo torinese hanno intenzione di creare un sistema industriale sostenibile attraverso il quale si riuscirà entro il 2014 a portare a pareggio le operazioni industriali in Europa.

Nonostante le buone prospettive, Ubs ha comunicato di aver tagliato il target price sul titolo Fiat portandolo da 8,5 a 7 euro, tuttavia la valutazione resta sostanzialmente positiva in quanto è stato confermato rating “buy”.


La banca d’affari ha spiegato di aver deciso di abbassare il prezzo obiettivo sul titolo del Lingotto in quanto a sua avviso esistono tre malintesi del mercato su Fiat. Il primo di questi riguarda il prezzo dell’azione, a riguardo in particolare Ubs ha sottolineato che si parla di costanti timori sulla liquidità nonostante il gross cash sia pari al 130% delle maturity cash a 5 anni di Fiat-Chrysler, senza contare la diversificazione a livello geografico degli utili di Fiat.

AUTO FIAT VENDITE AGOSTO 2011

Il secondo fraintendimento del mercato consiste nella convinzione che il gruppo torinese salirà al 100% di Chrysler raccogliendo equity. A riguardo Ubs ha spiegato che Fiat non ha alcun bisogno del controllo del 100%, aggiungendo che nel caso in cui decidesse di cogliere questa opportunità potrebbe reperire le risorse necessarie con i proventi derivanti da asset non core. Secondo la banca svizzera l’ipotesi più attendibile è che si decida di procedere ad una fusione di Fiat e Chrysler in modo tale da minimizzare la diluizione e la perdita di valore.

FIAT E FIAT INDUSTRIAL IN CALO PER GIUDIZIO ANALISTI

Il terzo malinteso del mercato, infine, secondo Ubs riguarda l’ipotesi della quotazione di una quota di minoranza di Ferrari, circostanza che a suo avviso comprometterebbe la valutazione della Ferrari e causerebbe con ogni probabilità un ulteriore sconto sulle azioni Fiat. Gli esperti di Ubs ritengono invece che ottimizzerebbe il valore per gli azionisti attuali uno spin-off o una cessione. La banca d’affari stima il valore della Ferrari quotata tra 4,3 e 5,7 miliardi, inoltre al livello attuale si prevede che la Ferrari conti per il 60-100% del prezzo delle azioni Fiat.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>