Azioni italiane da comprare secondo gli esperti

di Stefania Russo Commenta

Nei giorni scorsi il listino milanese ha toccato nuovi minimi storici, ma il trend negativo registrato nel corso delle ultime...

Nei giorni scorsi il listino milanese ha toccato nuovi minimi storici, ma il trend negativo registrato nel corso delle ultime settimane in realtà non ha stupito più di tanto. La recessione è in atto e la crisi a livello europeo non accenna a mostrare segnali incoraggianti, per cui l’andamento al ribasso è ampiamente giustificato.

Sotto quest’ottica, dunque, la borsa italiana è tutt’altro che conveniente, soprattutto se si considera il livello molto basso del rapporto prezzo/utili della maggior parte dei titoli italiani.

AZIONI ITALIANE SU CUI INVESTIRE SECONDO MEDIOBANCA

Secondo gli esperti, tuttavia, anche in un contesto di questo tipo è comunque possibile riuscire ad individuare delle opportunità di investimento che offrono un buon potenziale di rendimento. Una parte di analisti consiglia a chi intende rischiare i propri soldi investendoli in titoli azionari italiani di puntare soprattutto su quelle società che realizzano quote importanti di vendite all’estero, come Luxottica e Fiat Industrial.

SETTORI SU CUI INVESTIRE PER COMBATTERE L’INFLAZIONE NEL 2012

Chi invece crede in un breve miglioramento della situazione nel breve periodo, anche solo lieve, potrebbe scegliere di puntare su alcuni dei titoli più ciclici, che potrebbero tornare ad essere molto interessanti nel caso in cui si dovesse verificare una riduzione dell’avversione al rischio.

A questi bisogna poi aggiungere titoli che appaiono attraenti sulla base di questioni specifiche. Buzzi Unicem, ad esempio, potrebbe registrare ottime performance qualora partissero i cosiddetti projec bond, Generali potrebbe beneficiare del cambiamento del managment, mentre Lottomatica rientra in un business che reagisce positivamente anche alle fasi recessive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>