Cnh accoglie seconda offerta Fiat Industrial

di Stefania Russo Commenta

L'ultimatum lanciato da Sergio Marchionne e il dividendo straordinario di 10 dollari per azione hanno sortito l'effetto sperato...

L’ultimatum lanciato da Sergio Marchionne e il dividendo straordinario di 10 euro per azione hanno sortito l’effetto sperato.

Lo Special Committee di Cnh ha infatti accolto positivamente la seconda offerta avanzata dal Lingotto nei giorni scorsi, decisamente più conveniente sia per la società stessa che per i suoi azionisti, e ha pertanto dato mandato ai suoi advisor di lavorare per negoziare la stesura definitiva dei documenti.


Sergio Marchione si è detto soddisfatto della reazione positiva arrivata dallo Special Committee di Cnh, pur ricordando che rimane del lavoro da completare sia nei prossimi giorni per rendere definitiva la documentazione contrattuale, sia nei mesi a venire per implementare l´operazione e sottoporla all’approvazione degli azionisti.

L’amministratore delegato di Fiat, ricordiamo, nei giorni scorsi aveva lanciato una sorta di ultimatum, affermando che nel caso in cui la loro migliore offerta non fosse stata accettata sarebbero comunque andati avanti e avrebbero posto in essere tutte le azioni loro consentite al fine di far avere ai propri azionisti i benefici ricercati con l’operazione proposta, sempre nel rispetto dei diritti degli azionisti di minoranza di Cnh.

La nuova offerta di Fiat Industrial prevede la fusione delle due società in una newco con sede in Olanda. Gli azionisti di Cnh, oltre ad un dividendo straordinario di 10 euro per azione pre-fusione, riceveranno 3,828 azioni della nuova società per ciascuna azione CNH da loro detenuta, mentre agli azionisti di Fiat Industrial sarà attribuita una’azione della newco per ogni azione di Fiat Industrial in loro possesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>