Generali Assicurazioni sfrutta la debolezza di Fondiaria Sai

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Generali Assicurazioni registra un rialzo di oltre tre punti percentuali sulla scia..

A Piazza Affari il titolo Generali Assicurazioni registra un guadagno di oltre tre punti percentuali sulla scia del rialzo registrato dai principali indici azionari del listino milanese e delle parole pronunciate dal consigliere della compagnia triestina Lorenzo Pellicioli, che senza mezzi termini ha affermato che le turbolenze che stanno interessando Fondiaria Sai sono senza dubbio un’opportunità di mercato per Generali Assicurazioni.

DIVIDENDO GENERALI ASSICURAZIONI 2011 ESERCIZIO 2012

La speranza del gruppo triestino è infatti quella di riuscire a guadagnare quote di mercato sfruttando il temporaneo indebolimento della compagnia assicurativa concorrente.

Per quanto riguarda invece l’opzione put nelle mani del socio ceco Petr Kellner sul 49% della joint venture Generali-Ppf, Pellicioli ha rimandato alle parole pronunciate dal Ceo di Generali, Giovanni Perissinotto, il quale ha fatto sapere che nel corso dei prossimi anni Generali dovrà acquistare il 49% della joint venture Ppf nella Repubblica Ceca dal socio Petr Kellner, per un esborso complessivo che si aggira intorno ai 3 miliardi di euro.

MIGLIORI DIVIDEND YIELD 2012 SECONDO MEDIOBANCA

Nell’ambito di tale operazione Generali potrebbe farsi affiancare da altri investitori, mentre per finanziare questa operazione si esclude il ricorso ad aumenti di capitale. Un’operazione di ricapitalizzazione, infatti, potrebbe essere decisa solo per finanziare eventuali acquisizioni di grandi dimensioni.

In merito all’andamento del titolo, Pellicioli ha spiegato che eventuali ribassi sono da ricondurre esclusivamente alle difficili condizioni macroeconomiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>