Giudizio analisti titolo Campari giugno 2012

di Stefania Russo Commenta

Sebbene Campari abbia risentito del crollo dei mercati in misura più contenuta per via del suo carattere fortemente difensivo...

Sebbene Campari abbia risentito del crollo dei mercati in misura più contenuta per via del suo carattere fortemente difensivo e grazie un modello di business che ha permesso ottime performance gestionali, la volatilità resta piuttosto elevata, motivo per il quale diversi analisti, pur riconoscendo la solidità dell’azienda e le potenzialità del titolo, preferiscono non sbilanciarsi eccessivamente e mantenere un atteggiamento improntato alla cautela.

DIVIDENDO CAMPARI 2012 ESERCIZIO 2011

Non manca però chi, nonostante la forte instabilità dei mercati finanziari, continua a consigliare agli investitori di acquistare azioni Campari. Hanno infatti rating “buy” sul titolo gli esperti di Cheuvreux, Fidentis, Deutsche Bank, Nomura e Merrill Lynch. Le motivazioni sono diverse, si parte da un modello di business vincente fino ad arrivare ad ottime prospettive di crescita, passando per un managment di alto livello e ampie prospettive di accelerazione sulla concorrenza.

PREVISIONI CAMPARI ESERCIZIO 2012

Centrobanca è invece passata da “buy” a “hold” lo scorso aprile unicamente per motivi valutativi, in quanto il titolo nel corso dell’ultimo periodo ha sovraperformato e pertanto gli analisti ritengono che non si verificheranno ulteriori significativi apprezzamenti nel breve periodo. Rating “hold”, sempre per analoghe motivazioni, è stato confermato anche dagli esperti di Equita.

Intermonte e Mediobanca hanno invece rating “neutral”, in quanto ritengono che l’attuale valutazione del titolo sia coerente con le potenzialità di crescita nel breve termine, inoltre al momento non sono ravvisabili motivi validi per aumentare le stime di crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>