Previsioni utile Eni esercizio 2012

di Stefania Russo Commenta

Come ha spiegato l'amministratore delegato Paolo Scaroni, nel corso del 2012 Eni continuerà a sviluppare il suo business...

Come ha spiegato l’amministratore delegato Paolo Scaroni, nel corso del 2012 Eni continuerà a sviluppare il suo business con tassi di crescita superiori rispetto a quelli dei suoi principali concorrenti, soprattutto grazie alla sua capacità di individuare nuovi giacimenti. Basti pensare che nel corso degli ultimi quattro anni sono state realizzate scoperte per un equivalente di 4 miliardi di barili.

ACCORDO ENI-GOVERNO E POSSIBILE DIVIDENDO IN AZIONI

Il gruppo mira poi a rafforzare ulteriormente la sua posizione di leadership sul mercato europeo del gas, continuando al contempo a salvaguardare la redditività e l’equilibrio strutturale. A sostegno della crescita futura, inoltre, la società ha intenzione di realizzare nell’esercizio in corso investimenti piuttosto importanti.

Sul fronte della remunerazione destinata agli azionisti, invece, si prevede una generazione di cassa da attività operative che consentirà di distribuire un dividendo piuttosto elevato e allo stesso tempo permetterà al gruppo di mantenere una solida struttura patrimoniale.

TRIMESTRALE ENI GENNAIO MARZO 2012

Per quanto riguarda i risultati che il management prevede di riuscire a realizzare nel 2012, i dati registrati nel corso del primo trimestre dell’anno lasciano presagire un esercizio piuttosto interessante da questo punto di vista. Le previsioni indicano infatti un utile operativo in crescita di oltre il 15% a circa 21 miliardi di euro, mentre l’utile netto dovrebbe risultare pari a circa otto miliardi di euro rispetto ai sette miliardi registrati nel 2011.

Tali stime sono state formulate ipotizzando un prezzo medio del petrolio di 113 dollari al barile, ovvero superiore di due dollari rispetto ai prezzi medi del 2011 ma inferiore di cinque dollari rispetto ai prezzi medi registrati nel corso del primo trimestre dell’anno, e un cambio euro-dollaro a circa 1,3 euro rispetto agli 1,4 del 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>