Domanda e rendimento BTP asta 29 aprile 2013

di Stefania Russo Commenta

I risultati dell'asta di BTP con scadenza a cinque e dieci anni del 29 aprile 2013.

500_soldi

Come ampiamente previsto dagli analisti, la formazione del nuovo governo in Italia ha influito positivamente sull’asta di BTP a cinque e dieci anni tenuta questa mattina dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, con i tassi dei titoli decennali calati sotto il 4% per la prima volta dal 2010 ad oggi.

In particolare, stamane il Tesoro italiano ha collocato BTP (Buoni del Tesoro Poliennali) con scadenza 1 maggio 2023 per un ammontare complessivo di 3 miliardi di euro, pari al massimo della forchetta prestabilita e che ricordiamo era compresa tra un minimo di 2 e un massimo di 3 miliardi di euro. La domanda è stata pari a 8,35 miliardi di euro, mentre il rendimento è calato al 3,94% dal 4,66% di marzo.


Per quanto riguarda invece i BTP con scadenza 1 giugno 2018, anche in questo caso sono stati collocati titoli per un ammontare pari al massimo della forchetta prestabilita, ovvero pari a 3 miliardi di euro (range 2-3 miliardi di euro). Il rendimento in questo caso è calato passando al 2,84% dal 3,65% registrato in occasione dell’asta di BTP a cinque anni tenuta alla fine dello scorso mese.

Per quanto riguarda il rapporto di copertura, dato dalla differenza tra ammontare offerto e ammontare richiesto, per i BTP decennali è stato di 1,42 rispetto all’1,33 dell’asta precedente, mentre per i quinquennali è stato di 1,36 contro l’1,22 del precedente collocamento.

Dall’inizio dell’anno ad oggi, tenendo conto anche dei collocamenti odierni, il Tesoro ha collocato complessivamente 196 miliardi nominali di titoli, pari al 44% dell’importo lordo atteso per quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>