Caratteristiche BTP (Buoni del Tesoro Poliennali)

Tra le diverse tipologie di titoli di Stato periodicamente offerte dal ministero dell’Economia e delle Finanze figurano i Btp (Buoni del Tesoro Poliennali), titoli a medio-lungo termine e il cui rendimento è costituito sia dallo scarto di emissione (differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita) che da cedole fisse pagate con cadenza semestrale.

I Btp possono avere una scadenza di tre, cinque, dieci, quindici e trenta anni e possono essere sottoscritti per un valore nominale minimo di 1.000 euro o multipli di tale cifra.

COME ACQUISTARE TITOLI DI STATO

Tra i punti a favore di questa tipologia di titoli di Stato figura senza dubbio la loro elevata liquidità, i Btp possono infatti essere infatti acquistati e venduti dagli investitori istituzionali prima della scadenza sul mercato secondario regolamentato (MTS) e su quello non regolamentato (over-the-counter), mentre i cittadini privati possono effettuare queste transazioni solo sul mercato secondario regolamentato (MOT).

SCEGLIERE LA SCADENZA DEI TITOLI DI STATO

Per quanto riguarda le aste mediante le quali i titoli vengono offerti e collocati dal ministero del Tesoro, i Btp con scadenza a 3, 5 e 10 anni vengono offerti con cadenza mensile, mentre i Btp con scadenza a 15 e 30 anni vengono offerti in alternanza ogni tre mesi mediante asta collocata a metà mese.

Per quanto riguarda invece il meccanismo dell’asta mediante la quale vengono collocati i Btp, è previsto un sistema di esclusione delle domande speculative, indicato in maniera dettagliata in ciascun decreto d’emissione.

Lascia un commento