Previsioni Forex: brutte notizie per sterlina e dollaro?

di Valentina Cervelli Commenta

Il futuro di sterlina e dollaro non brilla particolarmente a breve termine se si pensa a quelli che saranno i prossimi appuntamenti macroeconomici ed a quella che è stata la settimana appena trascorsa. I trader più esperti sapranno destreggiarsi bene tra le valuta, ma ciò non toglie che molto potrebbe cambiare per tutti e non in positivo.

Partendo dalla sterlina non si può non tenere da conto l’effetto che i dati macroeconomici che verranno diffusi dalla Gran Bretagna avranno sul mercato valutario. Le ripercussioni rischiano di essere importanti, soprattutto se si pensa alla Brexit ed all’incognita che essa rappresenta sulla sterlina. Attualmente il cross dollaro/sterlina si trova in un range compreso tra i 1.2962 come resistenza e 1.2855 come supporto. Un indicazione che suggerisce il muoversi con attenzione e con una certa preparazione al fine di non gettarsi allo sbaraglio in situazioni di difficile controllo, soprattutto se intenzionati a trarre profitto dal proprio lavoro all’interno del mercato del Forex.

E’ fuori da ogni dubbio che nel caso  i dati fossero positivi, sarà inevitabile un rimbalzo della sterlina nei confronti di tutte le altre valute seguendo il trend rialzista in atto da aprile, mentre in caso gli stessi fossero negativi, soprattutto per ciò che concerne il dollaro, il conio inglese si troverebbe davvero a navigare in brutte acque.

Chiamano in causa la moneta statunitense ed il suo rapporto con l’euro, è impossibile non chiamare in causa la crescita della valuta europea sul biglietto verde: in questo caso a pesare è anche l’ipotesi di un rialzo dei tassi da parte della Fed in un momento in cui il dollaro statunitense appare essere sotto pressione nei confronti di tutte le altre valute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>