Nei mercati si affaccia lo spettro della deflazione

di Matteo Moneta Commenta

Renzi sarà costretto fare i conti con la realtà di una crescita praticamente inesistente. Lle stime degli economisti di Confindustria, dicono che il Pil crescerà dello 0,2% nel 2014 e non dello 07% come in precedenza stimato. Le supposizioni del governo per un aumento dello 0,8% nel 2014 paiono sempre più irrealistiche e troppo ottimiste. Il rapporto del Centro Studi di Confindustria pone dubbi sulla capacità di Roma di rispettare gli impegni presi per portare il rapporto tra deficit e Pil al 3% senza ricorrere a manovre correttive straordinarie.

L’economia Europea a giugno mostra ancora una frenata

“La salute dell’economia italiana resta fragile”, ha detto Luca Paolazzi, chief economist di Confindustria, durante una conferenza stampa a Roma. I prezzi sono ormai in zona deflazione. La risalita sarà lenta e l’inflazione scenderà nel 2014 allo 0,5% dal +1,2% del 2013 per poi risalire allo 0,9% nel 2015. Queste le previsioni del Centro Studi di Confindustria negli ultimi Scenari economici. “La crescita dei prezzi – osservano gli economisti – rimane sui ritmi attuali nei prossimi mesi per poi risalire molto gradualmente, sulla scia della ripartenza dell`economia italiana e della dinamica del Clup (costo del lavoro per unità di prodotto)”. Altro  freno, poi, giungerà nell`intero biennio dalla discesa della quotazione del petrolio tradotta in euro.

 > Il mercato forex, dipende fortemente dall’andamento del dollaro Usa

La forte frenata dell’ andamento globale dei prezzi e le attese di ribassi da parte dei consumatori “alimentano il rischio deflazione nel Paese”. Ma  il Csc esclude il “materializzarsi di una deflazione conclamata in Italia, cioè di un processo prolungato e generalizzato di riduzione dei livelli dei prezzi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>