Alitalia, salvataggio a rischio per mancanza di tempo?

di Valentina Cervelli Commenta

Alitalia, salvataggio a rischio per mancanza di tempo? E’ quello che suggerirebbe l’atteggiamento dei sindacati insieme all’agitazione dei lavoratori. La realtà dei fatti è che riuscire a concludere secondo i tempi dettati non è impossibile, ma richiederà molto impegno da parte di tutti i coinvolti.

Mancano poco più di due settimane al fine ultimo per la presentazione delle offerte vincolanti: giorni nei quali sarà necessario sistemare tutti i punti ancora scoperti per evitare che Alitalia venga svenduta. Quel che più si rende necessario è trovare definitivamente le aziende che vogliano investire nella NewCo ed in particolare un altro partner industriale oltre a Delta Airlines. Il ministro del Lavoro Luigi di Maio ha tentato di rassicurare gli animi sottolineando che “tutto sta andando per il meglio, nei prossimi giorni avremo buone notizie”. Ma è comprensibile che da parte dei lavoratori non vi sia pari fiducia e voglia di mobilitazione. Alitalia in questi ultimi mesi ha dimostrato di essere una compagnia in grado di poter offrire molto grazie al lavoro dei suoi tre commissari straordinari, ma è impossibile negare che come sia tanto competitiva per una vendita seria, sia anche adatta ad essere liquidata al top delle sue possibilità.

Il problema è essenzialmente uno: Ferrovie dello Stato hanno messo come limite per la loro partecipazione il 30% del capitale e posto come condizione che l’operazione debba essere di sistema e di mercato. Delta dal canto suo arriverebbe a coprire fino al 15% anche per tenere lontana Lufthansa e le sue manie di liquidazione. China Eastern potrebbe effettivamente prendere il posto lasciato libero da EasyJet ma di questo, a quanto si evince, si starebbe occupando la compagnia americana. Lo Stato con la conversione del prestito ponte in equiti assumerebbe un altro 15%. Manca quel 40% che è proprio fonte di preoccupazione per tutti. Atlantia potrebbe inserirsi in questo contesto? Di sicuro lo sapremo presto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>