Erg e Saras bocciate da Morgan Stanley

0
105

Nonostante una valutazione complessivamente positiva sul comparto petrolifero, Morgan Stanley ha annunciato stamane di aver tagliato il rating sul titolo Erg da “equalweight” a “underweight” e il target price da 12,3 a 11 euro, argomentando a riguardo uno scarso potenziale di rialzo della quotazione a causa dell’opzione Lukoil.

Al contempo l’agenzia di rating ha abbassato il target price di Saras portandolo da 2,5 a 1,85 euro, pur mantenendo il rating “overweight”.


Del downgrade soffrono entrambe le quotazioni. Sulla piazza milanese Erg cede l’1,75% a 9,825 euro mentre Saras perde lo 0,98% a 1,62 euro.

Gli analisti di Morgan Stanley, tuttavia, a parte queste due valutazioni negative, si sono mostrati ottimisti sull’intero comparto petrolifero, spiegando di prediligere soprattutto le società attive nel business dell’esplorazione e in quello della produzione, come Statoil, Afren e Tullow e nei servizi oil, come Pgs, Saipem e soprattutto Statoil.

Le preferite, tuttavia, restano Bg e Repsol, anche se non sono da trascurare Petroplus, che si fa notare grazie alla leva finanziaria e al riassetto del management, e la russa Rosneft, che secondo la banca d’affari potrebbe beneficiare della riforma fiscale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui