Lehman Brothers, le banche e la crisi a 10 anni dal fallimento

di Valentina Cervelli Commenta

Non è qualcosa di cui si parla volentieri: in fin dei conti il fallimento di Lehman Brothers, nel 2008, ha rappresentato l’inizio di quella crisi economica mondiale che ancora continuiamo a pagare su tutti i livelli.

Nessuno è rimasto indenne da ciò che 10 anni fa successe: investitori, cittadini, banche. L’istituto crollò sotto il peso dei debiti, bruciando 691 miliardi di dollari circa e licenziando 25 mila dipendenti. Va sottolineato: molti rimasero stupiti quel giorno del 2008 in cui Lehman Brothers dichiarò bancarotta dopo più di un secolo di vita. A Wall Street, il Dow Jones perse 500 punti e l’economia globale fu colpita in modo così forte che si colse al volo la tragica occasione per rivedere in buona parte il sistema bancario e la sua gestione.

La Fed a suo tempo le provò tutte per salvare LB: tentò di tutto, cercando di convincere sia Bank of America che Barclays a dare una mano. Tentativo vano soprattutto dopo il rifiuto di intervenire anche da parte del ministero del tesoro americano più interessato a salvare altri istituti rispetto a quello che avrebbe davvero potuto fare la differenza: la verità è, come poi spiegò anche Henry Paulson, segretario del Tesoro di Bush ai tempi di inizio della crisi, che nessuno si volle assumere un rischio così grande.

Ed ora? I problemi rimangono, ma l’esperienza ha insegnato ad essere più cauti ed a mettere dei paletti a monte rimanendo attenti. Le banche, come ha sottolineato recentemente il presidente della BCE Mario Draghi sono più forti, ma questo non significa che i pericoli siano passati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>