S&P sprona L’Italia

1
110

Dopo la notizia della settimana scorsa che Moody’s vorrebbe portare il rating dell’Italia a AAA ora arriva la notizia che anche S&P sarebbe intenta ad alzare il rating Italiano ai massimi livelli.
Secondo la società di rating Americana il piano di consolidamento del debito che è stato approvato dal governo Italiano dovrebbe favorire il rating del nostro paese.

Standard & Poor sostiene che crede ciecamente nelle azioni del governo Italiano, soprattutto il taglio della spesa pubblica che porterà lo stato italiano ha portare in pochi anni la soglia del debito a livelli accettabili.
Le previsioni del bilancio pubblico Italiano effettuate da S&P coincidono esattamente con quelle del governo Italiano.



Sempre secondo Standard & Poor l’Italia è il paese in cui se risentito di meno il peso della crisi economica,anche se verso la fine del 2009 la crescita del paese si è fermata a causa della diminuzione della domanda interna e delle esportazione.

S&P ritiene ritiene che la crescita lenta sia dovuta alla perdita di competitività registrata negli ultimi anni, con un cambio reale in aumento del 23% nel 2005, dovuta anche dalla disorganizzazione dei mercati dei beni e servizi e del lavoro che hanno portato l’Italia a una riduzione della Crescita.

Il Debito pubblico è sceso rispetto all’incremento eccessivo degli anni 2007-2008 fino a somme più modeste il 118% del Pil, secondo la Standard & Poor il bel paese è sicura dai rischi di un eventuale crollo greco che potrebbe portare a un effetto domino sfavorendo Spagna e Portogallo.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui