Titolo Enel in calo per rumors dividendo Endesa

di Stefania Russo Commenta

A Piazza Affari il titolo Enel è tra i peggiori dell'Ftse MIB con una perdita di poco inferiore allo 0,90%..

A Piazza Affari il titolo Enel è tra i peggiori dell’Ftse MIB con una perdita di poco inferiore allo 0,90%.

Ad influire negativamente sul titolo della società energetica italiana sono i rumors circolati nel corso delle ultime ore e che parlano della possibilità che Endesa, la controllata spagnola di Enel, potrebbe annullare l’acconto sul dividendo previsto per gennaio.

TUTTI I DIVIDENDI 2012 BORSA ITALIANA

Secondo gli analisti la decisione di Endesa di non distribuire alcun acconto sul dividendo, sempre che dovesse essere confermata, sarebbe senza dubbio legata a ragioni di rifinanziamento e alla volontà di mantenere in cassa quante più risorse possibili in vista delle scadenze a cui bisognerà far fronte nel corso del 2012.

PREVISIONI DIVIDENDI 2012 BORSA ITALIANA

Sebbene il dividendo di Enel non sia in discussione, una parte di analisti ipotizza che le difficoltà finanziarie di Endesa che avrebbero portato alla decisione di non distribuire dividendi a gennaio, potrebbero avere un impatto negativo sulla controllante Enel che, alla luce dell’attuale situazione del mercato obbligazionario e della stretta sui finanziamenti da parte delle banche, potrebbe trovarsi a dover affrontare costi aggiuntivi.

Enel, ricordiamo, ha distribuito ai suoi azionisti lo scorso novembre un acconto sul dividendo relativo all’esercizio 2011 pari a 0,10 euro per azione. Le previsioni degli analisti per il dividendo complessivo che sarà distribuito nel corso della prima parte del 2012 parlano di una cedola pari a 0,26 euro per azione, ossia in calo rispetto al dividendo pari a 0,28 euro per azione distribuito per l’esercizio 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>