Previsioni Franco svizzero secondo semestre 2012

di ND82 Commenta

Il franco svizzero è da sempre considerato come la valuta rifugio per eccellenza sui mercati internazionali, molto più di dollaro americano e yen giapponese. Tuttavia, negli ultimi mesi l’apprezzamento è stato bloccato dall’intervento della SNB

Il tasso di cambio euro/franco svizzero resta poco sopra 1,20, cioè il “peg” deciso dalla Banca centrale svizzera (SNB, Swiss National Bank) a partire da settembre 2011 per frenare il continuo apprezzamento della valuta elvetica sui mercati valutari. Le nuove turbolenze nella zona euro dovute alla crisi bancaria in Spagna e alla possibile uscita della Grecia dall’unione monetaria ha portato il presidente della SNB, Thomas Jordan, a istituire una task force per far preparare piani di emergenza in caso di spaccatura della zona euro e probabili afflussi di capitali in Svizzera.

Il franco svizzero è da sempre considerato come la valuta rifugio per eccellenza sui mercati internazionali, molto più di dollaro americano e yen giapponese. Tuttavia, negli ultimi mesi l’apprezzamento è stato bloccato dall’intervento della SNB, che starebbe addirittura pensando di imporre una tassa sui depositi in valuta svizzera o stabilire tassi negativi sulla propria moneta.

PREVISIONI SUL FRANCO SVIZZERO NEL 2012 SECONDO LE BANCHE D’AFFARI

Alla fine degli anni ’70 ci fu una situazione analoga a quella odierna, ma la SNB non riuscì a tenere a bada l’apprezzamento del franco stabilendo tassi negativi. A quel tempo il franco era agganciato al marco tedesco. Lo scorso 5 aprile c’è stato un primo campanello d’allarme, con la perdita momentanea del peg di 1,20. La SNB ha dichiarato che si è trattato di una situazione particolare, con alcune banche disposte a vendere euro sotto 1,20.

PUNTARE SULLE VALUTE RIFUGIO CON LA CRISI DEI MERCATI

La sensazione è che la SNB possa continuare a mantenere il cambio sopra 1,20 nei prossimi sei mesi. Tuttavia, in caso di nuovi forti turbolenze con accelerazione della crisi in Spagna, effetto-contagio agli altri paesi periferici e uscita della Grecia dall’unione, il franco potrebbe tornare a mettere il turbo e a quel punto la soglia di 1,20 dovrebbe inevitabilmente crollare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>