Caratteristiche BTP (Buoni del Tesoro Poliennali)

di Stefania Russo Commenta

Tra le diverse tipologie di titoli di Stato periodicamente offerti dal ministero dell'Economia e delle Finanze

Tra le diverse tipologie di titoli di Stato periodicamente offerte dal ministero dell’Economia e delle Finanze figurano i Btp (Buoni del Tesoro Poliennali), titoli a medio-lungo termine e il cui rendimento è costituito sia dallo scarto di emissione (differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita) che da cedole fisse pagate con cadenza semestrale.

I Btp possono avere una scadenza di tre, cinque, dieci, quindici e trenta anni e possono essere sottoscritti per un valore nominale minimo di 1.000 euro o multipli di tale cifra.

COME ACQUISTARE TITOLI DI STATO

Tra i punti a favore di questa tipologia di titoli di Stato figura senza dubbio la loro elevata liquidità, i Btp possono infatti essere infatti acquistati e venduti dagli investitori istituzionali prima della scadenza sul mercato secondario regolamentato (MTS) e su quello non regolamentato (over-the-counter), mentre i cittadini privati possono effettuare queste transazioni solo sul mercato secondario regolamentato (MOT).

SCEGLIERE LA SCADENZA DEI TITOLI DI STATO

Per quanto riguarda le aste mediante le quali i titoli vengono offerti e collocati dal ministero del Tesoro, i Btp con scadenza a 3, 5 e 10 anni vengono offerti con cadenza mensile, mentre i Btp con scadenza a 15 e 30 anni vengono offerti in alternanza ogni tre mesi mediante asta collocata a metà mese.

Per quanto riguarda invece il meccanismo dell’asta mediante la quale vengono collocati i Btp, è previsto un sistema di esclusione delle domande speculative, indicato in maniera dettagliata in ciascun decreto d’emissione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>