Previsione ritorno dividendo Premafin non fornita da Ligresti

di Stefania Russo Commenta

Gli azionisti di Milano Assicurazioni e Fondiaria Sai non sanno bene quanto ancora dovranno aspettare per intascare dividendi poichè..

Gli azionisti di Premafin non sanno bene quanto ancora dovranno aspettare per tornare ad intascare dividendi poichè, almeno fino ad ora, la società non ha fornito stime su un ritorno del dividendo.

Giulia Maria Ligresti, presidente di Premafin, ossia la holding che controlla sia Milano Assicurazioni che Fondiaria Sai, ha infatti precisato stamane che la società non ha ancora una previsione di ritorno al dividendo, tuttavia confida in una crescita del valore del titolo in un più breve periodo.


A Piazza Affari le quotazioni delle società che fanno capo a Premafin reagiscono in maniera diversa alla mancata previsione di un dividendo, in particolare Milano Assicurazioni segna un rialzo dello 0,35% a 0,9995, mentre Fondiaria Sai cede lo 0,16% a 6,265 euro. La quotazione Premafin, invece, segna un rialzo di oltre un punto percentuale a quota 0,617 euro.

Giulia Ligresti, pur non avendo fornito alcuna indicazione in merito al ritorno dei dividendi, ha mostrato un certo ottimismo, dicendosi certa che a breve verranno superate le due condizioni sospensive dell’operazione di ricapitalizzazione del gruppo. Gli accordi con Unicredit, ricordiamo, sono subordinati al responso della Consob in merito alla non obbligatorietà dell’Opa da parte di Unicredit per il suo ingresso in Fondiaria Sai e al rifinanziamento del debito della holding.

Il presidente di Premafin ha inoltre ribadito che non ci sono più rapporti con i francesi di Groupama e che la famiglia Ligresti non ha alcuna intenzione di cedere la quota in Mediobanca detenuta dal gruppo Fonsai, né tanto meno di uscire dal patto di sindacato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>