Prezzi materie prime alimentari sotto attacco speculativo

di Filadelfo Scamporrino 1

La finanza internazionale picchia duro anche sulle materie prime; la speculazione, in particolare, non coinvolge solamente i metalli preziosi, con l’oro, l’argento ed il platino in testa, ma anche e soprattutto il cibo, ovverosia quelle che sono le materie prime alimentari.

A denunciarlo è stata l’Organizzazione degli agricoltori della Coldiretti nel sottolineare come l’alta volatilità dei prezzi delle materie prime sia frutto di speculazioni, spesso a dir poco selvagge, su prodotti alimentari come il mais, il grano e la soia; trattasi di ingenti movimenti di capitale che generano ripercussioni negative sull’economia reale, e nello specifico sulle semine e sui raccolti un po’ in tutte le aree del mondo.



SETTORI SU CUI INVESTIRE CON IL RIALZO DEI TASSI

Insomma, a distanza di oltre quattro anni dallo scoppio di una crisi che sembra interminabile, sembra che nessuno abbia imparato la lezione. Secondo la Coldiretti, non a caso, l’economia che poggia sulla carta continua a dominare rispetto all’economia reale, con la conseguenza che nel mondo cresce la fame e crescono le diseguaglianze tra il nord ed il sud del mondo.

PREVISIONI MATERIE PRIME 2011

Questo perché il cibo è diventato una merce qualsiasi, sui cui speculare, così come si specula anche sui terreni fertili, sempre più spesso sottratti all’agricoltura; questo impoverisce in primis le nazioni più povere e crea la desertificazione delle produzioni agricole locali con conseguenti ripercussioni negative anche sull’ambiente visto che spesso i prodotti agro-alimentari importati prima di arrivare dal campo alla tavola bruciano svariate tonnellate di petrolio.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>