Azioni simbolo del made in Italy da comprare secondo gli analisti

di Stefania Russo Commenta

I titoli quotati a Piazza Affari facenti capo a società considerate un simbolo del made in Italy, non solo nel settore della moda...

I titoli quotati a Piazza Affari facenti capo a società considerate un simbolo del made in Italy, non solo nel settore della moda, dall’inizio del 2011 hanno viaggiato in controtendenza registrando performance positive, nonostante nell’arco dello stesso periodo l’indice FTSE Mib di Piazza Affari ha perso oltre il 35%.

VALUTE SU CUI INVESTIRE PER DIFENDERSI DALLA SVALUTAZIONE DELL’EURO

Secondo gli esperti, in particolare, questi titoli sono riusciti ad approfittare dell’esposizione ai paesi emergenti, mentre nel caso dei titoli del settore del lusso le performance positive sono da ricondurre ad una crescita strutturale.

SETTORI SU CUI INVESTIRE PER COMBATTERE L’INFLAZIONE NEL 2012

Per quanto riguarda le previsioni per i prossimi mesi, la maggior parte degli analisti crede in un proseguimento della performance positiva di questi titoli, soprattutto in considerazione del fatto che nella maggior parte dei casi si tratta di aziende che sono riuscite a far conoscere i propri prodotti e ad affermarsi nei propri mercati esteri, dove le opportunità di crescita sono decisamente maggiori. Unica eccezione potrebbe arrivare dal settore del lusso, dove la performance dei titoli potrebbe risultare positiva ma meno brillante rispetto a quella dei mesi scorsi, in considerazione delle valutazioni già raggiunte.

Tra i titoli simbolo del made in Italy e che sono riusciti a registrate performance positive nonostante l’andamento negativo degli indici di riferimento, andando quindi in alcuni casi ad azzerare le perdite registrate nel 2011, figurano: Brembo, Campari, Brunello Cucinelli, Salvatore Ferragamo, Geox, Luxottica, Piaggio, Piquadro, Poltrona Frau e Tod’s.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>