Analisi tecnica principali cross valutari

di Matteo Moneta Commenta

Nei mercati finanziari mondiali, è ripresa l’attività di scambio dopo la pausa festiva. Poche sono le movimentazione che indicano come i mercati siano ancora poco liquidi.

Secondo l’analisi di Davide Marone, DailyFx analist:

EurUsd: clamoroso dunque il movimento dell’euro, arrivato perfino ad 1,39 per poi rientrare completamente fino a compiere al contrario tutta la strada percorsa e riportarsi in area 1,3750. Sul daily il segnale short apparirebbe chiaro, ma con un euro così forte, questo assunto va interpretato con molta cautela. Il 4 ore resta molto preciso nel mostrare la valenza di area 1,3730 come supporto, coincidente con il transito dell’ottima media mobile a 21 periodi, da cui buoni possono essere gli acquisti per la ripresa della parte altra del range in area 1,3770. Da lì stop in pari e possibilità di liquidare laddove dovessero ripartire le vendite verso la parte bassa del range. Possibili, ma non raccomandabili da lavorare in stop entry, eventuali allunghi fino all’area di 1,38 al rialzo e 1,37 al ribasso.

L’Agenzia di rating S&P conferma la valutazione su Italia

UsdJpy: nuovi massimi di periodo per il cambio a 105,40. Come tutti i punti di massimo ciò è sfruttabile, ai primi segnali su time frame di breve, come potrebbe provenire dal grafico orario, per delle vendite con stop sopra i massimi (ma un po’ più su del solito) per la ripresa di 105,20, lo stop in pari e un possibile ulteriore 105. Difficile, nel contempo, pensare ad operatività in stop entry che ci porrebbero in ottica 105,75 e 106 successivamente.

Online Portafogli Coraggiosi, il nuovo sito sui mercati finanziari di A&F – La Repubblica

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>