Carige, emessi bond da 2 miliardi con garanzia Stato

di Valentina Cervelli Commenta

I commissari di Banca Carige non stanno perdendo tempo nel mettere in atto delle politiche di salvataggio per l’istituto genovese: motivo per il quale sono stati emessi bond per due miliardi approfittando della garanzia dello Stato.

E’ importante comprendere che il primario obiettivo della banca è quello di rafforzare il proprio patrimonio e liberarsi il più possibile dei crediti deteriorati: solo in questo modo vi saranno possibilità per la stessa di uscire dal grave periodo di crisi nel quale è entrato definitivamente con il mancato aumento di capitale di fine 2018.  Al momento ancora non è escluso che si debba poterne organizzare un altro, ma per riuscire nella risalita, i commissari stanno intraprendendo quelli che possono essere definiti dei “passi forzati“: l’emissione di bond per 2 miliardi di euro nominali con garanzia dello Stato, così come previsto dal decreto approvato dal governo il 2 gennaio ne sono una dimostrazione.

Le suddette obbligazioni sono quotate sul mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di stato (Mot) di Borsa Italiana. Entrando nello specifico di ciò che è stato fatto, Banca Carige ha emesso bond con scadenza 25/1/2020 e cedola dello 0,5% per 1 miliardo di euro nominale e bond con scadenza 26/7/2020 e cedola dello 0,75% per un ulteriore miliardo di euro. Importante: l’agenzia Dbrs ha dato al primo un rating a breve termine di “r-1”. , mentre al secondo a lungo termine di “bbb” con trend stabile per entrambi. E mentre sarebbe già prevista per la fine del prossimo mese la presentazione del piano industriale, i commissari sarebbero già al lavoro per trovare un accordo per alleggerire il portafoglio bancario dei non performing loans.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>